All posts tagged “street food

comment 0

Bari mordi e fuggi

Bari è una città davvero splendida e con un centro (Bari Vecchia) che è un vero gioiellino, tutto da scoprire. Il clima qui è mite, l’inverno dura soltanto una manciata di mesi, per il resto del tempo cielo azzurro, limpido e caldo, sole e una vista sul mare mozzafiato. Read More

comment 0

Streeat, il festival dei Food Truck. A Milano

 Streeat – Festival dei Food Truck è IL festival dei festival! Location spettacolare, gente giusta e musica azzeccata, cibo di qualità su due ruote e una giornata di sole ancora estiva: questi gli ingredienti del successo della seconda edizione di Streeat, lo street food festival europeo con tappa a Milano. Il Carroponte si è rivelato una scelta più che azzeccata: grande a sufficienza per accogliere tutti i curiosi e amanti di street food e con quell’aspetto un po’ industriale dismesso che ben si addice al clima dell’evento, musica anni ’80 – inizio ’90 a fare da colonna sonora e poi il cibo da strada, il protagonista di questo week end lungo milanese. Apecar e furgoncini, biciclette da gelataio e piccoli stand tutti curati nei minimi dettagli, tutti originalissimi, uno più bello e stiloso dell’altro.
Le proposte sono da far invidia agli chef più stellati, c’era di tutto e di più, dal burger al bbq (quello originale americano), le piadine tradizionali e quelle di canapa fino all’antica sfogliata di mais, gelati nelle forme più svariate e dai gusti più strani, cucina medievale e apecar con forno a legna, hot dog in versione pop e pasta con fagioli. Immancabili gli arancini e le specialità fritte: olive ascolane, fish&chips e arrosticini.
Un’occasione di condivisione e di convivialità pazzesca, un modo per passare una tranquilla Domenica pomeriggio in compagnia degli amici più cari, assaggiando specialità prelibate e scambiandosi cartocci per poter gustare almeno un pezzettino di tutte le (tantissime) proposte dei vari food trucks.
Streeat è stato un vero successo, un evento da non lasciarsi scappare, dove il cibo di qualità, quello fatto da ingredienti semplici e gustosi, lavorato con la massima cura, artigianale e tradizionale incontra il design (i food truck sono dei veri e propri capolavori di creatività) e diventa alla portata di tutti, nella versione più popolare e a prezzi assolutamente modici.
 
25 protagonisti assoluti per una tre giorni di festa dal mattino alla sera. Al Carroponte sono andati in scena il gelato giapponese (ma dallo stile italianissimo) ai gusti di matcha, sesamo nero o azuki chiuso in due croccanti cialde di riso di Monaka (perfetto per chiudere in dolcezza il pranzo ma ottimo anche come piccolo spuntino fresco e dissetante), la pizza romana, quella bianca, semplice e buonissima, farcita con ottima “mortazza” IGP del duo Pizza & Mortazza (con un truck tutto a tema davvero splendido).
C’era la tradizione siciliana dei fratelli di LuBar che hanno voluto portare gli arancini a Milano e i pugliesi Quattro Zii con i loro panzarotti dolci e salati. Dal nord è arrivato il pane ripieno di pasta e fagioli di Primo Sapore, il burger di Chianina direttamente dall’azienda agricola La Toraia e quello di Fassona di Fuori di Mente. Storia e modernità a confronto con Matilda – cucina errante e la sua proposta di menù medioevale e Johnny Rosso Ape Pomodoro con il forno a legna incorporato nell’apecar! E poi ancora il bbq originale, direttamente dagli Stati Uniti di Phil’s Slow Smoked American Barbecue, i saltimbocca con mozzarella di Bufala di Momò e i cartocci pieni di prelibatezze fritte di Ape Scottadito. Il tutto annaffiato, è il caso di dirlo, da una buona selezione di vini e birre artigianali. A Streeat non mancava proprio nulla e io non vedo l’ora di tornare per la terza edizione!
Un grazie speciale ai miei commensali che mi hanno “prestato” i loro pranzi per le foto! ♥

Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck FestivalStreeat - Food Truck FestivalStreeat - Food Truck FestivalStreeat - Food Truck FestivalStreeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival Streeat - Food Truck Festival
Streeat – Food Truck Festival is THE festival of festivals! Location spectacular, right people and apt music, good food on truck and a sunny summer day: these are the ingredients of the success of the second edition of Streeat, street food festival in Europe with a stop in Milan. The Carroponte proved to be a more than apt: big enough to accommodate all the curious and lovers of street food, and with that aspect a little abandoned industrial that is well suited to the climate of the event, music from the 80s – early 90s to act as the soundtrack and then the street food, the protagonist of this long weekend in Milan. Apecar and vans, bikes and small ice cream stand meticulous attention to details, all very original, one of the most beautiful and snappier than the other.
The proposals are the envy of the most starred chef, there was everything and more, from the bbq burger (the original American), traditional piadina and made from hemp or the ancient corn pastry, ice cream in various forms and strange tastes, medieval cuisine and apecar kitchen with wood stove, hot dog in pop version, pasta and beans. Inevitable arancini and fried specialties: stuffed olives, fish & chips and kebabs.
A chance of sharing and conviviality, a way to spend a quiet Sunday afternoon in the company of close friends, tasting delicious specialties and exchanging cones to be able to enjoy at least a little bit of all of the (many) proposals of the various food trucks.
Streeat has been a real success, an event not to be missed, where the food quality, the one made ​​from simple ingredients and tasty, crafted with the utmost care, and traditional craftsmanship meets the design (the food truck are real masterpieces creativity) and becomes accessible to all, in the most popular and absolutely reasonable prices.
25 protagonists for a three-day festival from morning to night. Carroponte went to the scene in the Japanese ice cream (but very Italian-style) to the taste of matcha, black sesame or azuki closed in two crispy waffles rice from Monaka (perfect to round off a good meal but also great as a cool and refreshing snack), the Roman pizza, the white one, simple and delicious, stuffed with excellent “mortazza” IGP from the duo Pizza & mortazza (with a themed truck really beautiful). There was the Sicilian tradition of Lubar brothers who wanted to bring the arancini in Milan and Quattro Zii from Puglia with their panzarotti sweet and savory. From the North came the bread stuffed with pasta and beans (Primo Sapore), the burger made of Chianina meat directly from the farm The Toraia and Fassona meat by Fuori di Mente. History and modernity in comparison with Matilda – kitchen errant and its proposal of medieval menu and Johnny Bee Red Tomato with wood-burning oven built in the apecar! And then again the original bbq, directly from the United States by Phil’s Slow Smoked American Barbecue, saltimbocca with Mozzarella by Momò and cones filled with delicacies fried from Ape Scottadito. All washed, it must be said, with a good selection of wines and craft beers.  Streeat doesn’t missing anything and I can not wait to return for the third edition!